LINO, IL SENZATETTO DELLA STAZIONE TERMINI – Antonio del Furbo

Lino è finito per strada dopo una vita vissuta in maniera non molto cristallina. Lino, ha dormito per anni alla stazione Termini fino a quando un giornalista, che ha passato qualche giorno con lui, lo ha convinto a tornare da sua madre. Quando, dopo anni, Lino ha rimesso piede nel suo paese, il giudice lo ha fatto arrestare per alcuni cumuli di pena. Lino non vedeva l’ora di riabbracciare la madre. Il sogno più grande di quell’uomo barbuto, era quello di conoscere i nipoti che, fino a un’ora dall’arresto, non sapeva di avere. Io non ho risposte a nulla, ma sono convinto che se Lino avesse avuto qualcuno vicino che lo avesse ascoltato, molto probabilmente avrebbe lasciato Termini da molto più tempo. In fondo, come tutti, ad un certo punto della vita Lino ha coperto il suo cuore con le giacche e i maglioni dell’indifferenza di una società che non lo ha compreso. Poi è arrivato un uomo che gli ha tolto quei maglioni. Subito dopo, purtroppo, è arrivato lo Stato che lo ha ucciso di nuovo.

estratto da www.antoniodelfurbo.it©

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz