BERLUSCONI? IO STO CON I PASTORI – Nicola Forcignanò

Forse, come mormora qualcuno, Berlusconi è un po’ rintronato rispetto a qualche anno fa. Non so se un tempo avrebbe posato per una foto dove lo si vede perduto a occhi chiusi mentre abbraccia un agnello. Ma questo è uno scatto che si sposa benissimo con l’immagine rassicurante del nonno che l’ex cavaliere sta interpretando per cancellare quella un po’ pecoreccia (per restare in tema) che recitava in uno degli ultimi processi che l’hanno visto imputato.
Ovviamente, non sapremo mai se il tenero agnello della foto finirà nel forno della villa di Arcore, dove molto probabilmente Berlusconi festeggerà con la famiglia la Pasqua. Questo, però, è un dettaglio poco interessante rispetto ai complimenti, anche dei suoi avversari politici, che la foto ha scatenato. Silvio, ancora una volta, ha saputo mettersi dalla parte degli italiani che nella settimana della vigilia – da qualche anno – tifano per l’agnello.
Berlusconi che abbraccia il peloso animaletto ispira più fiducia di un pastore attento a portare sul mercato pasquale i propri prodotti. Ovviamente, l’ex presidente del Consiglio s’è mosso sul palcoscenico del marketing, dove i numeri dimostrano che ci sa davvero fare. Berlusconi ha scelto di stare dalla parte dell’agnello perché, evidentemente, i pastori portano pochi voti.
La politica è capace di trasformare chiunque. Perfino il leader di Forza Italia, che con questa mossa si dimentica d’essere un imprenditore e va in tasca a tutta quella fetta di mondo agricolo che aspetta la Pasqua – da sempre – per far quadrare i bilanci e portare un po’ di fieno in cascina.
Ve l’immaginate un presidente degli Stati Uniti d’America che si schiera dalla parte del tacchino alla vigilia del Giorno del ringraziamento? E che si fa fotografare con il volatile tra le braccia?
Mi immagino gli agricoltori americani a protestare davanti alla Casa bianca. Non mi stupirebbe se i pastori italiani portassero le loro greggi davanti ai cancelli della villa di Arcore. O a Roma davanti alla sede di Forza Italia. Farebbero bene. Secondo me.
Io, infatti, sto dalla parte dei pastori. Sto dalla parte della tradizione e delle aziende agricole. Sto dalla parte della cucina italiana. E, domenica, a mia moglie cucinerò un agnello in fricassea.

Buon appetito a tutti.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz