PERCHE’ RENZI RISCHIA DI VINCERE A TAVOLINO – Stefano Pazzaglia

Gli esponenti di punta del m5s, Dibba e Dima, spargono strafalcioni a piene mani. Sono note le conoscenze geopolitiche sudamericane del secondo e quelle costituzionali del primo. La Costituzione votata a suffragio universale dello scooterista credo resterà una chicca imbattibile. Il Dibba per certificare la sua sapienza ha pensato bene di andare in TV a raccontare dei vaccini a pagamento. Sopra cotanta sapienza ovviamente veglia nel dormiveglia, dalla sua villa in collina, il Supremo. La lega riesce a portare alle urne per le primarie ben 8000 fedelissimi. Fatti i conti mancano all’appello sicuramente tutti i cugini di Salvini. Per questo il leader quasi carismatico leghista ha aperto un’inchiesta familiare interna per capire come mai queste defezioni. Berlusconi e la sua “presunta” area liberale hanno le dimensioni dei giardinetti dietro casa mia. Lo stanco ex leader carismatico, ora impegnatissimo con la sua nursery ovina, non ha mai generato eredi degni. Poi le olgettine non gli danno più le soddisfazioni di un tempo e s’è dovuto vendere pure il Milan che gli dava un ritorno di immagine non da poco. L’area nostalgico-meloniana sonnecchia all’ombra del cupolone. Ho l’impressione che Renzi vincerà a mani basse per mancanza di avversari. Il nemico della costituzione più bella del mondo, il golpista gigliato avrà vita facile dopo la netta vittoria nel suo partito. Si accettano nuovi competitori per il tenzone politico. Vedasi oltralpe per le istruzioni. P.S. Nostalgie di Prima repubblica: Spadolini, La Malfa, Zanone, Andreotti e Berlinguer.  E guardate cosa vi dico: anche Bettino Craxi!

Lascia una recensione

1 Comment on "PERCHE’ RENZI RISCHIA DI VINCERE A TAVOLINO – Stefano Pazzaglia"

Notificami
avatar
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Stefano Pazzaglia
Ospite

Ci ho proprio azzeccato

wpDiscuz