PIAZZA DELLA LOGGIA…UNO SCHIFO ITALIANO – Stefano Pazzaglia

Piazza della Loggia 28 maggio 1974. Dopo quarantatré anni e undici processi con il rigetto dei ricorsi in Cassazione è stata detta la parola fine all’ultima vicenda processualmente aperta dei terribili anni di piombo. La bomba fece otto vittime e oltre cento feriti. Sono stati ritenuti colpevoli Carlo Maria Maggi e Maurizio Tramonte.

Così commenta Manlio Milani, leader del Comitato dei familiari delle vittime: «Ringrazio i giudici gli uomini del Ros, gli avvocati. C’è molto ancora da svelare, ma oggi ne sappiamo di più e possiamo dire che uomini dello Stato hanno sconfitto altri uomini dello Stato».

Questo il commento di Alfredo Bazzoli con post su fb.

Dentro quest’aula fredda, austera, sento pronunciare le parole “la corte rigetta i ricorsi”…

E il tempo improvvisamente si ferma, si accartoccia, si comprime.

Penso a mia mamma, a me bambino.

Dopo 43 anni la giustizia è arrivata. La strage di Piazza della Loggia ha dei responsabili, nomi e cognomi, la verità giudiziaria si è allineata alla verità storica.

È un giorno bello per la democrazia italiana, è un giorno di riscatto per le nostre istituzioni.

Mi allontano dal palazzo, cammino lentamente nella notte fresca di Roma, in questo tempo sospeso, pensando a mia mamma, a mio papà, ai miei fratelli, alla nostra famiglia.

 

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz