ITALIANI BRAVA GENTE MA SPESSO CAFONI E CAZZONI – Giuseppe Valditara

Facciamo qualche esempio di concittadino che andrebbe rieducato. C’è quello che alle 6 e mezza del mattino di domenica spara la tv o la radio a palla e se ne frega se tu stai dormendo. Poi c’è quello che fai la fila e ti passa davanti facendo finta di niente. Quindi quello che parcheggia e ti lascia la macchina strisciata. Poi quello che alle 3 del mattino urla e schiamazza in mezzo alla strada, e magari si diverte pure a suonare il clacson. Poi quello che ha dei figli quasi teenager che sei al ristorante e non ti lasciano in pace un attimo tanto corrono, urlano e strepitano, e ovviamente manco li riprende. O quello che getta la carta sul marciapiede. Oppure quello che sei in spiaggia e sta sulla sdraio di fianco e ti fuma addosso una sigaretta dopo l’altra, manco la decenza di alzare il deretano e fumare sulla battigia. O quello che in auto, nonostante sulla sua corsia sia tutto bloccato e ci sia il giallo, si piazza tronfio in mezzo all’incrocio quasi a dire: “e mo tu aspetti che io mi faccia i cazzi mia”. E il camionista che senza neppure mettere la freccia, tagliandoti la strada, si fionda a 100 km./h. (quando ha il limite a 80) sulla corsia di sorpasso, dove lo metti? Dimenticavo: quello che parcheggia (non per una emergenza) sul marciapiede e impedisce il passaggio dei pedoni. O il ragazzotto che mette i piedi sul sedile di fronte a quello dove ha piazzato il suo sedere flaccido che non alza (per cedere il posto) nemmeno se sale Matusalemme con due bastoni e una gamba di legno. O come quella mamma idiota che un giorno sulla metro mi ha manifestato tutto il suo disprezzo perché essendoci due posti liberi e avendole dato la precedenza su di uno, non ho lasciato posto anche per la figlia, vispa ragazzina di scuola media. Dimenticavo: quei simpatici concittadini che se vedono sul tram un mascalzone che sta importunando una ragazza si voltano dall’altra parte. Tralascio ovviamente quelli che passano con il rosso che sono degli autentici criminali, come quelli che ti riempiono le mura di casa di scarabocchi, tags e amenità varie e quelli che raccomandano il figlio idiota ad un concorso pubblico togliendo una chance a tuo figlio o quelli che non rilasciano lo scontrino e se lo richiedi fanno pure gli gnorri o magari si incazzano e naturalmente quelli che si danno regolarmente malati per stare a casa dal lavoro quando poi si fanno il selfie sulla spiaggia.
Ecco questi e altri esemplari di compatrioti sono il motivo per cui l’Italia va male. E sono anche il motivo per cui ci troviamo una classe politica (e non solo) composta mediamente da cazzoni. Pensiamoci tutti, nessuno escluso

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz