TUTTO SOMMATO I COGLIONI ESISTONO E SONO UTILI – Stefano Pazzaglia

Umberto Eco sostiene che appressandosi alla morte conviene considerare tutti dei coglioni. Questo in sostanza rende meno doloroso il distacco. Che piacere c’è a vivere in un Mondo di coglioni? Condivido questa opinione e il modo con cui spiega al suo discepolo, tal Critone, la cosa. Il processo di avvicinamento alla globalizzazione, cioè il considerare i quasi sette miliardi di persone che calpestano il globo terraqueo dei coglioni, deve essere però graduale. Bisogna arrivarci solo in tarda età e per gradi. Mi riconosco anche in questo. Quando ero giovane ero di sinistra, comunista insomma. Avevo il mito dell’uguaglianza, delle masse operaie buone e oneste. Il padronato era il nemico approfittatore sempre alla ricerca del plusvalore, cioè dello sfruttamento del povero lavoratore, e parlavo di Marx senza averlo mai letto. Ora le masse non mi garbano più tanto, sempre meno, e l’ultima cosa che vorrei leggere è il capitale. È stato un processo lento quello verso la coglionizzazione del prossimo che mi ha portato e sempre più mi porta a strizzar l’occhio alla grande tradizione liberale e a quella visione un po’ darwiniana della politica e dell’organizzazione sociale. Resto un socialdemocratico e credo sempre che la perequazione sia la stella polare di una società giusta. Però anche la centralità dei diritti individuali tanto cari a Croce ed Einaudi mi pare sempre più nobile. E poi un giusto alternarsi tra il mito del socialismo scandinavo ” dalla culla alla bara ” e il rigore di Monti credo sia necessario. Noi italiani non abbiamo una tradizione liberale. Ci siamo fermati a Valerio Zanone e al pentapartito. Per noi la destra è altro purtroppo. In tal senso la nostra storia ingombrante ha influito non poco. Ma guardate che la destra liberale è tutt’altra cosa e ha una storia antifascista. Ma tanto è. Inoltre credo che noi italiani, un po’ cialtroni, non abbiamo il fisico per governi alla Thatcher. Non abbiamo retto Monti e la Fornero. Per tornare alla questione dei coglioni, in questo tempo, che mi vede impegnato nel decennio che si dipana dopo il compimento del mezzo secolo, l’opera di demolizione del prossimo è sempre più incessante. Gran parte delle persone di cui avevo stima sono andate avanti e guardando intorno vedo solo ominicchi e quaquaraquà, manco mezz’omini, per dirla con Sciascia. Ci sono ancora in verità persone che apprezzo ma vedrò in futuro, se non passeranno a miglior vita, di togliere il mio apprezzamento. Sarà allora che avrò attorno solo coglioni e sarò pronto al trapasso indolore.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz