LE DITTATURE VANNO ABBATTUTE COMPRESA QUELLA VENEZUELANA – Enrico Nascimbeni

Maduro. Fu uomo di Chavez. E chi era Chavez? Un militare golpista. Arrestato. Poi graziato. Poi prese il potere. Cambiò nome al Venezuela. Dopo la sua genialata ogni volta dovremmo chiamarlo Repubblica Bolivariana del Venezuela. Cambiò il tempo. Eh si. In Venezuela il tempo è tornato indietro di mezz’ora per sua decisione. Faceva interrompere le trasmissioni e si metteva a parlare anche per dieci ore. A volte cantava o si beveva un caffè. E i venezuelani a sopportare. Gli oppositori? Ammazzati. In galera o al confino. Media contrari? Chiusi. Le gente scendeva in piazza a milioni contro di lui? Faceva sparare i cecchini sulla folla  armata solo di bandiere. E giù morti. Il chavismo ha ammazzato del tutto un paese già mezzo morto. Ora c’è Maduro. Che fu l’ombra di Chavez. Fa le stesse cose . Forse le fa peggio. Un dittatore. In Veneuela il latte in polvere per i neonati non esiste più o costa come un Rolex. Meditino gli intellettuali di sinistra che difendono Maduro. O vadano a vivere là. Da Fusaro a Bertinotti.

Situazione attuale della svalutazione? Un pacco di pasta Barilla costa in bolivares a un venezuelano 270 euro.

Non è questo il comunismo che ho sognato e che a volte ancora sogno. Questa è folle dittatura travestita di rosso.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz