MA C’ERA TRA LA FOLLA QUELLA NERA SIGNORA…LA LEGGENDA DI SAMARCANDA – Enrico Nascimbeni

La storia di del soldato e Samarcanda è una vecchia leggenda Uzbecka.
A Bassora (città dell’uzbekistan), il più valoroso militare della città, alla fine di una guerra, durante una festa, vide lo spettro della Morte che lo guardava in modo strano,forse minaccioso.
A vedere ciò il soldato, colto dalla paura nell’aver incrociato tanto presto lo sguardo con la morte si recò dal suo sovrano, chiedendogli aiuto. Il sovrano decise di donargli un veloce cavallo, la cui velocità avrebbe assicurato al soldato una rapida fuga in terre lontane, garantendogli la salvezza dalla morte imminente.
Il militare saltò subito in sella e grazie al cavallo poté correre via fino alla città di Samarcanda, luogo che raggiunse in serata, credendosi ormai al sicuro.
Una volta lì vide di nuovo la morte, allora si arrese e le disse che l’aveva vista alla festa e che si era accorto che lo guardava malignamente, allora la morte gli rispose che il suo non era uno sguardo cattivo, ma stupito, perchè si chiedeva cosa ci facesse a Bassora dato che l’appuntamento con lei era proprio li, per quel giorno a Samarcanda, e temeva che per fare festa, non sarebbe riuscito ad arrivare in tempo.

Morale della favola: Non si può sfuggire alla morte, e per quanti sforzi tu faccia il destino è lì che ti attende.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz