FACEBOOK NON E’ LA LIBERTA’… E’ UNA FOGNA A CIELO APERTO – Ingrid Salvini

Invidio coloro che hanno solo certezze, che non si pongono domande perché possiedono già tutte le risposte. Di certezze io ne ho solo due: il terrore della morte e il desiderio d’essere amata. Per il resto, solo dubbi, debolezze, interrogativi. E tanti errori che nascono dal fatto d’essere in balia delle mie due certezze.
L’errore peggiore: essere entrata in questo mondo virtuale spaventoso. Un tentativo maldestro di scappare dalla realtà per sopravvivere al male di vivere, una bestia orribile che vive dentro di te e ti sbrana in silenzio fino a lasciare solo brandelli di anima.
Intanto credi di riuscire a gestire la situazione, combatti con le armi del cuore e della parola le ingiustizie che ti circondano, paladina virtuale dei deboli e degli indifesi, completamente inconsapevole della bolgia infernale in cui stai soffocando. Patetica la presunzione di servire a qualcosa in questa discarica a cielo aperto che è facebook, specchio delle coscienze perse per sempre, avvoltoio bulimico d’ogni energia vitale sottratta a ciò che era vero.
Prenderne coscienza è come uscire da un incubo che però prosegue a livello reale, in un’atmosfera da novembre inoltrato, nebbia, grigiore. In fondo, il mio lumino: gli occhi dolci e spaesati del mio bambino. L’unico amore che mi rimanga. La mia unica speranza di salvezza

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz