IL CORPO STRAZIATO DI PAMELA OLTRAGGIATO DAI RAZZISTI E DAI FASCISTI – di Giovanna Mulas

Trista e penosa la strumentalizzazione politica attorno all’assassinio della piccola e sfortunata Pamela Mastropietro; l’autopsia stessa è divenuta pietra contro gli emigranti, tutti: una guerra tra poveri che non porterà nulla di buono se non ulteriore rafforzamento di quel nazifascismo in preoccupante impennata in tutta Europa. Non basta criticare nei circhi televisivi certi circoli… ricreativi che ricreativi non sono, quali ‘Casa Pound’ & C.: contro la stessa Costituzione e una intelligenza civile. Va imposta la chiusura senza se e senza ma. Ogni ulteriore notizia ad essi legata fomenta la terribile emulazione nelle menti più plagiabili, nei mitomani.
Intanto apprendo con sconcerto di vari licei italiani, come il Visconti di Roma, il D’Oria di Genova e il Parini di Milano che si fanno pubblicità vantando di non avere tra gli studenti emigrati, disabili e poveri. “Non abbiamo nomadi, e gli unici impoveriscono i figli dei portieri dei palazzi dei quartieri”, attesta Clara Rech, preside del Visconti di Roma, autrice di una delle autovalutazioni.
Selezione della Specie? Ritorno al Medio Evo?
Certamente oscurantismo profondo.
Da una istituzione come la Scuola di qualsiasi ordine e grado, che di fatto di tutti deve essere, pronta ad accogliere e interagire, soprattutto integrare attraverso Cultura e quell’Arte che ha fatto – e fa – l’Italia grande nel mondo; trovo la cosa improponibile, da dimissioni dei responsabili in oggetto.
Pessimo esempio di vita, cattivo gusto all’apice.

Lascia una recensione

Lasciaci il tuo parere!

Notificami
avatar
wpDiscuz