GIOVENTU’ BRUCIATA? NO CRIMINALI E IGNORANTI – di Mario Poletti

“Uno sgambetto punito con una coltellata al volto. È finita male una lite a scuola a Giulianova in provincia di Teramo dove un ragazzo di 17 anni, di origine marocchina ma residente a Teramo da anni, è stato raggiunto da un colpo al volto sferratogli da un compagno giuliese con un coltello a serramanico.

Avevano aggredito un anziano invalido che stava camminando per strada strappandogli il bastone a Casalguidi, nel comune di Serravalle Pistoiese. Ora i presunti aggressori sono stati tutti identificati dalla squadra mobile di Pistoia. Si tratta di cinque ragazzi, tutti minorenni. Uno di loro ha meno di 14 anni e non è imputabile. Gli altri hanno tra i 16 e i 14 anni.”

 

Più che una gioventù bruciata mi sembra una gioventù di piccoli criminali ignoranti come le capre.

L’impressione è che dei loro cervelli non ci sia nulla da bruciare. Sono inesistenti o già fulminati in partenza. Non sono un sociologo per indicare i motivi di questa epidemia di piccola criminalità. Anche se indico nei loro padri e le loro madri i principali responsabili.

Lascia una recensione

1 Comment on "GIOVENTU’ BRUCIATA? NO CRIMINALI E IGNORANTI – di Mario Poletti"

Notificami
avatar
Ordina per:   più nuovi | più vecchi | più votati
Maria Luisa Businco
Ospite
È spaventoso leggere ogni giorno sui quotidiani, notizie di delitti efferati compiuti da ” minorenni” e non solo. Ultimo, in ordine di tempo, quello avvenuto in Sardegna, vicino al Comune di Ghilarza, che ha come protagonista un giovane di 18 anni. Quello che sconvolge maggiornente, a parte il movente che viene definito ” per futili motivi” – il giovane avrebbe dovuto incassare dai suoi assassini la ” modesta” somma di 600 euro per avere venduto loro della droga… – sono le descrizioni di questo diciottenne, descritto come uno dei tanti bravi ragazzi della sua età! Inconcepibile! Peccato che a nessuno… Leggi il resto »
wpDiscuz